Mia moglie si spoglia per ripicca.

Leggi i racconti erotici degli utenti e scrivine uno se ti va!
Rispondi
pennabianca
Messaggi: 92
Iscritto il: mar giu 20, 2023 5:30 pm

Mi chiamo Michele, ho 32 anni e sono sposato da sei con Debora, che ha la mia stessa età. Fisicamente sono di media statura, moro, occhi scuri e mi piace molto praticare lo sport per tenermi in forma. Sessualmente parlando ho una discreta dotazione, che, fino ad oggi, ha sempre soddisfatto le voglie di mia moglie. Lei, prima di me, era stata fidanzata con un ragazzo un po’ più grande di lei, che l’aveva introdotta nei piaceri del sesso e ad un certo esibizionismo, che tutt’ora le piace praticare. Se lo può permettere, con il fisico da favola che si ritrova. Alta quasi 1,70, capelli neri lunghi, occhi scuri, labbra molto sensuali, un seno di una quarta abbondante ed un bel paio di cosce lunghe e affusolate, al cui culmine figurava quello che io considero un vero capolavoro della natura: un culo tondo e sodo, che sembra disegnato. Come ho detto, le piace molto esser al centro dell’attenzione e, spesso, mi diverto a farle indossare indumenti alquanto succinti; la sprono a scodinzolare, mentre io osservo l’effetto che fa su tutti i maschi, che cercano, in qualche modo, di abbordarla. Mi eccita tantissimo vederla desiderata e ho anche immaginato di scoparla assieme ad un altro maschio, ma quando le ho manifestato questa mia fantasia, mi ha dato del matto e si è anche un po’ alterata. Naturalmente una bella scopata ha riportato il sereno nella coppia, anche se io ero sempre più proiettato verso quella fantasia. Il mese scorso, poi, è avvenuto un fatto che ci ha messo di nuovo in agitazione. Eravamo stati invitati all’inaugurazione di un negozio di estetica e l’estetista, proprietaria dell'esercizio, è una sua carissima amica. Non avevo molta voglia di partecipare all’evento, ma lei ci teneva moltissimo e, alla fine, ci siamo presentati e vi abbiamo trovato un sacco di gente, fra cui diversi amici comuni con le relative consorti. Durante la cerimonia, io mi son divertito con Carlo, Luca e Walter, tre dei miei amici più intimi, a fare qualche commento sulle donne presenti, comprese le loro mogli e, a giudizio di tutti, ci siamo soffermati sulla più seducente, la più intrigante e la più esibizionista. Ovvio che a questa categoria apparteneva la mia Debora, mentre sulle altre il dibattito è stato molto acceso, ma era lapalissiano che, tra tutte, emergeva mia moglie, che, non vista, si è avvicinata di spalle a noi ed ha ascoltato tutte le battute e i commenti, indirizzati alle diverse donne presenti. Naturalmente, non sapendo di esser ascoltati, ci siamo anche andati un po’ giù pensanti su certe femmine che attiravano il nostro interesse, non affatto sgombro da fantasie poco decenti. In particolare, quando è apparsa la madrina della cerimonia, che a noi tutti ci è sembrata perfetta per uno spogliarello. Indossava una mini nera elasticizzata, che non lasciava molto all’immaginazione con sopra una camicetta bianca tenuta chiusa da un solo bottone e sotto si intravedeva un reggiseno di pizzo molto intrigante. Ovvio che le battute su di lei si sono sprecate.

«Accidenti, che provocante che è! Una cosi sarebbe bello averla tutta per noi, una sera! Altro che le nostre donne! Questa sì che sa esser conturbante.»

Non avevo nemmeno finito di parlare, che solo allora mi son accorto della presenza di mia moglie che, alquanto alterata dal mio comportamento, se n’è andata. Durante il viaggio verso casa, è esplosa la sua ira.

«Sei un porco! Peggio dei tuoi amici! Avete una buona concezione delle vostre donne! Le vorreste tutte puttane, da quello che ho capito! Parole non troppo lusinghiere, devo dire! Scommetto anche né avrete espresse anche su di me! Ma, se al posto di quella ragazza, ci fossi stata io, che avreste detto? Ti avrebbe fatto piacere? Dimmelo!»

Ho cercato di minimizzare, ma lei era davvero furiosa.

«Sta attento, che un giorno di questi, ti faccio vedere io cosa si prova ad esser trattata da puttana e restare immobile, senza far nulla! Voglio vedere se a te sta bene!»

Ho cercato di rabbonirla, ma con scarsi risultati. Sono passati diversi giorni e mi sembrava che la cosa si fosse, in qualche modo, sgonfiata. Poi, circa tre giorni fa, è avvenuto un fatto che mi ha sconvolto. Eravamo radunati a casa mia: io, Carlo, Luca e Walter, per la finale di Volley, sport di cui siamo tutti molto patiti. Debora, non amando questo sport, è uscita con le sue amiche. La partita si è un po’ protratta nel tempo e noi eravamo, complici tre bottiglie di vino a forte gradazione che ci eravamo scolati, insieme a degli stuzzichini, molto alticci ed eccitati dalla vittoria della nostra squadra e, mentre stavamo festeggiando allegramente, la porta si è aperta e mia moglie è entrata nel salone, Luca si è voltato e gli è venuta spontanea una battuta:

«Che peccato! Pensavamo fosse arrivata la spogliarellista per festeggiare la vittoria!»

È stato un commento stupido e fuori luogo, ma mia moglie l’ha fissato con un atteggiamento di sfida e, mentre stava per allontanarsi senza proferir parola, si è voltata verso di me, mi ha guardato con un’aria di sfida ed ha scosso la testa.

«E chi dice che la spogliarellista non sia, di fatto, arrivata?»

Siamo rimasti tutti immobili, loro increduli ed io sbalordito, quando lei, camminando in mezzo al salone con incedere da maliarda e movenze sinuose, ha iniziato a sbottonare lentamente il soprabito. Subito tutti hanno iniziato ad esultare e farsi sentire con fischi e cori, che la incitavano. Walter ha intonato le note di "You can leave your hat on", la colonna sonora del film "9 settimane e mezzo", dove la protagonista fa uno spogliarello da infarto. Luca, attraverso il cellullare, ha davvero trovato la canzone che Walter aveva accennato e lei, nel sentirne il ritmo, ha preso a spogliarsi in maniera davvero molto sexy. Ha lasciato cadere il soprabito e Carlo la guardava invitandola a spogliarsi di più. Ero stupito e, nello stesso tempo, molto eccitato. Era vestita con una camicetta avana e pantaloni in pelle scuri, mentre continuava a muoversi in modo seducente al centro della stanza, osservata con impazienza da tutti che, increduli, la stavano ammirando con la bava alla bocca. Ha iniziato lentamente a sbottonarsi la parte inferiore della sua camicetta, salendo molto lentamente, un bottone dopo l’altro. Mi guardava sorridendo maliziosamente ed io ero a bocca aperta e, incredulo, mi domandavo fin dove si sarebbe spinta in questo gioco. Quando anche l’ultimo bottone è stato slacciato, lei ha aperto un poco la camicetta e, con fare sensuale, si è girata di spalle. Ha iniziato a far scendere l’indumento da dietro le spalle. Walter le si è avvicinato e poi ha afferrato la camicetta, lei, giratasi e sorridendo, ha lasciato che lui gliela sfilasse completamente. Abbiamo subito ammirato il reggiseno bianco, che racchiudeva completamente le sue tette prosperose. Ho pensato che fosse giunto il momento di porre fine allo spettacolo, come farebbe qualsiasi marito nel pieno delle proprie facoltà mentali, ma mi son sentito molto stranito, ero troppo eccitato e forse un po’ troppo ubriaco per ragionar lucidamente. Ho assecondato il mio desiderio di vederla davanti ai miei amici, possibilmente ancora più nuda. In un barlume di lucidità, ho pensato che tanto poi si sarebbe fermata lei e quindi l’ho lasciata fare a modo suo. Mi piaceva il gioco e lo stesso era per i miei amici, che si stavano davvero divertendo. Seduto, la guardavo ipnotizzato con il cazzo che mi esplodeva nei pantaloni. Carlo le ha offerto da bere e lei lo ha accettato. Ha preso il calice di vino rosso e poi, molto lentamente, tenendolo sollevato sopra la testa, ha fatto colare piano un po’ di vino nella sua bocca aperta. Alcune gocce le son finite sul viso e giù sul seno, macchiando il reggiseno. Luca l’ha invitata a toglierlo.

«Dai, toglilo: è un peccato che si macchi!»

Credevo che non lo avrebbe fatto, ma lei, sempre guardando verso di me, ha iniziato, a suon di musica, a scuotere le tette coperte dal reggiseno. Poi lo ha sganciato da dietro e poi, si è girata di spalle e lo ha lasciato cadere in terra. Ho sgranato gli occhi dallo stupore! Cazzo lo stava facendo davvero! Subito Walter lo ha raccolto e lo ha portato sul volto, commentando con entusiasmo.

«Sì, dai, bravissima! Dai, fa vedere che sei davvero una donna decisa! Dai, abbi il coraggio di osare! Dai, nuda! Nuda!»

Anche gli altri hanno detto che doveva spogliarsi nuda.

«Nuda! Nuda! Nuda! Nuda! Nuda! Nuda! Nuda!»

Lei si è girata e, con le braccia, si copriva il seno; mi ha rivolto uno sguardo davvero strano, un misto fra l'adirato me anche tanta sensualità. Non ho capito niente e son rimasto a bocca aperta, quando ha invitato tutti noi a far lo stesso.

«Anche voi, nudi! Che aspettate? Se lo faccio io, dovrete farlo anche voi!»

Loro si sono dati uno sguardo e poi si son girati verso di me, che non ho avuto il coraggio di dire o far nulla. Ero immobile, basito, e così, senza troppo fronzoli, in un attimo erano tutti e tre nudi. Poi hanno ripreso ad incitarla.

«Nuda! Nuda! Nuda! Nuda! Nuda! Nuda! Nuda!»

Ho visto i loro cazzi già tesi e duri e son rimasto di sasso. Li avevo visti altre volte nudi sotto la doccia, ma non mi ero mai soffermato sulle loro dotazioni. Luca era molto dotato in lunghezza, Carlo anche lui molto lungo, ma più grosso e Walter, invece, molto grosso sì, ma, forse, lungo come il mio. Debora li ha ammirati sorridendo maliziosamente. Io mi sono alzato e ho cercato di porre un freno a tutto questo, nonostante fossi eccitatissimo ed ancora vestito.

«Ok ragazzi, adesso basta! Questo gioco sta prendendo una piega troppo imbarazzante, quindi, basta!»

Sia lei che loro si sono girati verso di me di scatto. Mi hanno fissato e poi lei mi ha gridato di non rompere!

«Cosa c’è: ti dà fastidio? Vediamo se ti piace!»

In quel momento ho capito che era in cerca di vendetta, per le stupide parole dette qualche tempo prima, all’inaugurazione. Stavo per replicare, ma tutti hanno confermato quanto da lei detto.

«Sta zitto! Lasciala fare e non rompere!»

Senza rendermene conto, ho cominciato a spogliarmi. Lei intanto ha iniziato a slacciarsi i pantaloni, mentre i suoi seni erano in completa mostra. Luca si è avvicinato, ha allungato una mano e ne ha accarezzato uno. Anche Carlo ha fatto la stessa cosa. Per un po', li ha lasciati fare, poi si è spostata e, lentamente, ha abbassato i pantaloni. Il suo splendido culo era in bella mostra. Il perizoma, infilato nel solco delle natiche, lo rendeva ancor più invitante. Walter si è avvicinato ed ha accarezzato con entrambe le mani le sue chiappe sode.

«Accidenti, che culo! È meraviglioso!»

Ero eccitatissimo e non potevo far a meno di deliziarmi, mentre vedevo che si spogliava e si faceva accarezzare dagli amici, che, con calma, l’hanno aiutata a sfilarsi del tutto i pantaloni, facendola restare con solo il perizoma ed i tacchi alti. Lei si è girata verso di me, facendosi spazio fra loro, mi ha guardato e invitato ad avvicinarmi.

«Tu non vuoi toccare? Non ti va che questa sera avrete una spogliarellista tutta per voi?»

Era bellissima. Con movimenti sinuosi, ha abbassato le mutandine fino alle caviglie. Poi si è girata ed ha sollevato le braccia sopra la testa, lasciandoci ammirare la sua bella figura e le sue grosse tette. Mi son avvicinato e lei ha impugnato il mio cazzo; con l’altra mano ha afferrato quello di Luca. Ci ha segato un poco, mentre Walter continuava a toccarle il culo e Carlo le tette. Ad un tratto si è abbassata ed ha preso a succhiarci, alternando i nostri cazzi nella bocca. Immediatamente i miei amici sono andati in delirio.

«Sì, fantastica! Accidenti, come succhia! Sei meravigliosa!»

Lei ha sollevato lo sguardo in cerca del mio e, quando i nostri occhi si sono incrociati, lei mi ha sorriso maliziosamente e, con un gesto del capo, mi ha indicato la porta della camera. Mi son abbassato e l’ho fatta sollevare. Lei tenendo il mio cazzo in mano, si è incamminata verso la camera. Appena dentro si è distesa sul letto e subito Luca si è messo a leccarla, mentre noi ci alternavamo fra le mani e bocca di lei. Ben presto ha preso a gemere di piacere; subito Luca si è allungato sì di lei, che ha spalancato le gambe, penetrandola con un solo affondo. Ho visto il suo corpo inarcarsi e sollevare le gambe, mentre lui la sbatteva con molto impeto e piacere.

«Bellissima! Sei bollente! Ti sfondo!»

Lei ha avuto subito un primo orgasmo, che ha urlato a bocca piena, ben riempita dal cazzo di Walter. Ho visto mia moglie godere ed io ero eccitatissimo, desideravo scoparla, ma gli altri erano tutti addosso a lei. Carlo le succhiava i seni e Walter si faceva leccare il cazzo, che ora sembrava ancor più grosso. Lui si è abbassato, ha detto a Luca di farla girare e io, per un attimo, non ho capito il suo gioco, finché l’ho visto inginocchiarsi dietro di lei e appoggiare il suo cazzo durissimo al culo di Debora. Ha fatto colare della saliva e poi lo ha affondato dentro di lei, che si è girata ed ha fatto una smorfia di dolore.

«Cazzo! Fa piano! Fa piano che me lo sfondi tutto! Mi spacchi!»

Lui, quasi con sadismo, ha continuato a spingere la grossa mazza dentro di lei.

«Sì, troia, te lo voglio sfondare questo culetto da favola! Non puoi immaginare da quanto desideravo farlo!»

È entrato fino in fondo e poi, per un momento, è rimasto immobile; poi, lentamente, ma con decisione, ha preso a chiavarla in culo, mentre Luca, da sotto, le sfondava la fica. Debora ha iniziato a godere ininterrottamente, di un orgasmo senza fine. Io e Carlo ci alternavamo in bocca, anzi, più lui che io, che ero estasiato da quello che vedevo. Era la prima volta che la vedevo così troia e questo mi faceva impazzire. Ha goduto molto e poi il primo a sborrare è stato Walter, che le ha inondato il culo con un grido di paciere.
«Vengo! Sì, sborro! Ti farcisco questo culetto fantastico!»

Le ha schizzato dentro un mare di sperma, poi si è sfilato completando la sborrata sul corpo di lei. Subito il suo posto è stato preso da Carlo, che l’ha infilata anche lui in un colpo solo. Luca, intanto, ha chiesto a Carlo di sollevarla; lui l’ha afferrata per i fianchi e l'ha messa in ginocchio. Luca la sbatteva davanti e ben presto ha sborrato anche lui. Si è sfilato e le ha schizzato sulle tette.

«Sborro! Cazzo, sì, fammi schizzare sulle tette: te le voglio schizzare tutte. Che femmina favolosa che sei!»

Ho visto generosi schizzi di crema bianca, finire sui capezzoli e il collo di mia moglie. Lei ha allungato la mano e ne ha raccolto un po', portandosela alla bocca. Lui, dopo esser venuto, le ha infilato il cazzo, ancora duro, in bocca per farselo ripulire, cosa che lei ha fatto, mentre Carlo la chiavava nel culo. Walter ha spinto Carlo disteso e poi ha aiutato Debora, sempre impalata sul cazzo dell’amico, a distendersi su di lui. Poi le ha sollevato le gambe e, con il cazzo ancora duro, ha iniziato a scoparla da davanti. Lei lo ha aiutato e, ben presto, era di nuovo infilata in doppia e godeva come una maiala, incitandoli a scoparla più forte. Io mi stavo segando e, senza rendermene conto, mi son venuto in mano, mentre vedevo lei che succhiava il cazzo di Luca, prendere quello di Walter in fica e Carlo in culo! Troppo eccitante! L’hanno scopata in doppia o, meglio, in tripla, fin quando non sono venuti tutti e tre, due volte. Lei ha goduto tantissimo e, alla fine, era tutta ricoperta di sborra in ogni dove. Sfiniti, siamo rimasti tutti distesi sul letto. Walter le ha fatto i complimenti, dicendole:

«Debora sei stata stupenda! Michele avrà anche fatto la figura del cornuto, ma è una cosa da tenere in conto quando si ha una bella donna come te al fianco e, soprattutto, capace di far godere più maschi insieme.»

Debora si è sollevata e, appoggiata alla testiera del letto, ci ha guardato con un sorrisetto da perfetta maliarda.

«Sì, forse questa sera Michele ha fatto la figura del cornuto, ma preparatevi, perché, a giro, toccherà anche a voi farla, come questa sera è toccato a lui. Con le vostre consorti, non che mie amiche, abbiamo parlato molto del vostro comportamento all’inaugurazione e così abbiamo deciso di darvi una lezione: questa, appunto! Dimostrarvi che, se vogliamo, possiamo esser delle troie a nostro piacimento e, se a voi non va bene, allora preparatevi ad avere tante di quelle corna, da non riuscire ad entrare nel portone di una cattedrale. Diversamente, una sera al mese, ci si ritrova tutti insieme e ci si diverte! A voi la scelta!»

Li ho guardati ed ho capito che, se per questa sera era stata la prima esperienza da cornuto, anche per loro i tempi erano maturi per un grande divertimento collettivo. I loro sorrisi si erano spenti, appena sentite le parole di mia moglie. Si erano rivestiti e se ne erano andati mesti e silenziosi, con la coda fra le gambe. Era evidente che stavano riflettendo su quelle sue parole. A mio avviso non vi era molto su cui riflettere, ma solo prender atto che le nostre donne avevano già deciso per noi ed io ero già impaziente di vivere la prossima serata.
Rispondi